Opere e scritti di San Corofrasto

Opere

Tutte le opere a stampa di San Corofrasto sono conservate presso la Biblioteca dell'Abbazia di Sant'Ignucius a Santa Clara, che ne cura anche la periodica riedizione.

Corrispondenza

Tutte le lettere private sono conservate presso la Biblioteca dell'Abbazia di Sant'Ignucius, tranne la corrispondenza personale con la regina Klarentia V e re Teoduberto XIV il Grande, conservate nell'Archivio Privato di Palazzo Reale. Sono tradizionalmente suddivise in:

Il resto della corrispondenza è distribuita come segue:

Altro

Oltre alle opere stampate, San Corofrasto ha lasciato anche una gran quantità di appunti, diari, manoscritti, tutti conservati presso la Biblioteca dell'Abbazia di Sant'Ignutius.

I diari sono stati stampati dalla Biblioteca dell'Abbazia di Sant'Ignutius fin da subito e sono tuttora ristampati periodicamente:

Particolarmente noto è il Diario dell'Esilio, scritto dal giovanissimo Corofrasto e regalo tradizionale in tutta la Gianozia per la licenza elementare.

Esistono anche le trascrizioni dei discorsi di San Corofrasto, tra i quali il più famoso è sicuramente il Discorso sulla fratellanza di Gianozia e Stranozia, pronunciato nel cinquantesimo anniversario della rivolta della pasta bianca. I discorsi sono tradizionalmente conservati dall'Istituto di Cultura Stranoziana, che li ripubblica periodicamente.

Gianozia Orientale: DscCorofrastoOpere (last edited 2010-04-14 17:32:45 by chiara)