Cenni storici sulla Gianozia Orientale

Gianozia, la terra del fiero ed indomito popolo pseudogermanico quasiceltico sicuramentelatino dei Gianoti. Ecco qui alcune brevi note storiche.

Preistoria

Varie sono le testimonianze archeologiche sugli abitanti della Gianozia in epoca primitiva. Purtroppo sono scarsissimi tra i reperti gli scheletri umani, da quel pochissimo che si è trovato si ipotizza che la Gianozia fosse abitata da un raro gruppo di Cro-Mangion. Più abbondanti i manufatti, principalmente utensili da cucina ma non mancano oggetti di indubbia valenza religiosa. Tra questi figure totemiche di gnu e pinguini e qualche rara figura di diavoldemone.

La presenza di gnu e pinguini non deve stupire in quanto queste specie sono tuttora presenti in forma autoctona nel territorio della Gianozia Orientale.

Nelle pitture rupestri sono inoltre ossessivamente ricorrenti elementi grafici formati da due lunghe linee parallele solcate ad intervalli regolari da brevi segmenti. E' tuttora ignoto il significato di questi disegni, ma dato che sono stati tutti trovati in grotte, si ipotizza anche per questi un significato religioso.

Date le relativamente modeste dimensioni della Gianozia queste popolazioni svilupparono una cultura comune e questo, insieme ai primi documenti di epoca storica, porta a denominare questa popolazione protogianoziana gli Ignoti.

E' agli Ignoti che si fa risalire l'antichissima forma linguistica del modulare m.

Periodo storico

I primi documenti sulla Gianozia (ancora una e non divisa in Orientale e Occidentale - regione che oramai da tempo è scomparsa assorbita da altri stati) sono tavolette cuneiformi e papiri egizi, rinvenuti sia in Gianozia Orientale che in Egitto e Iraq.

Si tratta principalmente di documenti di natura commerciale, o di resoconti di viaggio. Da questi si desume come il modulare m era correntemente usato per la sua semplicità anche da Egizi ed Assiro-Babilonesi come lingua franca.

I documenti parlano di 3 tribù, i Noti, i Gianoti e gli Stranoti. Già in epoca Greca la distinzione tra le tre tribù si affievolisce mentre si stabilisce l'egemonia dei Gianoti.

Il massimo splendore venne raggiunto dai Gianoti sotto il regno di Teoduberto (Teod è una parola in archeogianoziano che significa "dalla testa che rivaleggia col granito").

Sagace stratega, tenne lungamente in scacco Mario una strategia bellica che un autore di cronache Romano descrive così:

[...] e quando la Gianozia veniva attaccata dalle legioni Romane, essa aspettava immobile il nemico per scansarsi all'ultimo momento ed andarsene [...]

Alla fine Roma non ne potè più ed il conflitto fu risolto senza clamore concedendo ai Gianoziani lo status di socii paritarii.

Di seguito la Gianozia comincia saggiamente a non far parlare troppo di sé e in questo modo evita scorrerie, saccheggi e conquiste.

Si sa che ad un certo punto finì nell'orbita di potere degli Asburgo, ma anche questa volta non come sudditi dell'impero: il titolo completo dell'imperatore era infatti "Imperatore d'Austria, Re d'Ungheria, Re di Gianozia" ma per cortesia e per non fare scoppiare l'imperial regio biglietto da visita, i Gianoziani accettarono cortesemente che l'ultimo titolo non fosse citato.

La storia della Gianozia tra il 1919 e il 1945 è quanto mai complicata e poco chiara. Ne è prova che il carro armato sovietico monumentato nei pressi della stazione centrale di Santa Chiara è a volte citato come monumento all'alleato a volte come preda bellica.

Fattostà che la Gianozia viene divisa in due parti al pari della Germania e la Gianozia Occidentale sparisce ben presto dagli atlanti geografici, mentre la Gianozia Orientale rimane sul bordo della Cortina di Ferro.

I grandi sconvolgimenti che seguono il crollo della Cortina di Ferro non lasciano idenne la Gianozia Orientale che da Repubblica Popolare passa a Repubblica Popolare per Azioni (se sia una nuova via al comunismo capitalista o al capitalismo comunista è un dibattito teologico tuttora aperto).

Ai giorni correnti, la Gianozia Orientale è l'ultimo paese Europeo guidato da un partito comunista, la Divisione Partito Comunista e Turismo della Repubblica Popolare per Azioni.

Gianozia Orientale: StoriaGianozia (last edited 2010-07-22 09:09:58 by chiara)